La vogliamo sprecare questa salita? (ovvero la sfida come opportunità di crescita)

In Mental coaching by Roberta Liguori6 Comments

Da qualche tempo mi sono avvicinata al mondo del trail, la corsa in sentieri di collina o di montagna.
A differenza della corsa su strada, i percorsi del trail presentano salite impervie e discese mozzafiato, e l’abilità richiesta a chi fa trail è correre anche in salita e lanciarsi veloce in discesa senza paura.

A volte il sentiero è davvero impegnativo, e quando la pendenza della salita è importante, c’è chi smette di correre e inizia a camminare. Ed è in quel momento che arriva potente la voce dell’ultrarunner Stefano Gregoretti con cui ho l’onore di allenarmi: “La vogliamo sprecare così questa salita?!?”

Perché il punto è questo: è proprio grazie alla salita che miglioriamo.

È proprio quando affrontiamo di corsa quelle dure ascese che i muscoli si sviluppano, il cuore si abitua, il fiato si allena. Se in quel tratto invece ci accontentiamo di camminare, la salita “viene sprecata”, perché alla fine la fatica che facciamo è la medesima, ma quando arriveremo in cima non saremo migliorati affatto.

Image

Nella vita se ci pensiamo bene è la stessa cosa.
Quando tutto fila liscio, quando non abbiamo problemi, quando il percorso è pianeggiante insomma, non impariamo nulla di nuovo e non cresciamo come persone. Solo affrontando e superando le salite che incontriamo nella nostra esistenza possiamo migliorare e crescere, e solo vincendo le nostre sfide possiamo perfezionarci, arricchirci ed evolvere come esseri umani.

E allora, perché sprecare le salite? Perché non utilizzare invece ogni nuova sfida come opportunità di crescita, per acquisire conoscenza, abilità, intelligenza, saggezza?
Perché non decidere consapevolmente di sfoderare un atteggiamento grintoso e curioso di fronte a ogni problema che si presenta, massimizzando gli insegnamenti che possiamo trarne, certi che proprio grazie al suo superamento saremo persone migliori?

All’inizio è difficile, lo so bene.
All’inizio i polpacci bruciano, il fiato manca, il cuore è a mille. Ma i nostri muscoli, proprio come i nostri comportamenti, si abituano in fretta.
Andando avanti ogni salita sarà meno impervia di quella precedente, e ogni sfida meno dura. E alla fine ci rimarrà solo il piacere di correre, godendoci luoghi meravigliosi.

E allora, davvero la vogliamo sprecare questa salita?

Un ringraziamento speciale a Stefano Gregoretti, straordinario amico ultrarunner che ogni giorno mi spinge al miglioramento continuo.

Vuoi allenare la tua mente ad affrontare prontamente le salite?

Scrivimi, raccontami la salita che devi affrontare e ti suggerirò dove andarti a prendere gli strumenti mentali che ti mancano!

Contattami
Se ti è piaciuto ciò che hai letto, condividilo!
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Google+
Google+
0Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Comments

  1. Carissima Roby articolo stupefacente adoro la frase del tuo coach! Ti auguro con tutto il cuore un sereno e strabiliante anno nuovo. Ti abbraccio forte. Grazie grazie sempre

  2. Ciao Roberta, mi occupo da diversi anni di crescita personale e leggo volentieri i tuoi post perché sono affascinato dalla semplicità con cui riesci a tradurre questi concetti. Brava!
    Ti auguro un 2015 energizzante e carico di nuove ispirazioni.

  3. Ogni volta che leggo un articolo,mi ricordo che grazie ai tuoi suggerimenti sono riuscita a piegare un ferro!!! Questa è la conferma che ognuno di noi può arrivare alla meta prefissata.
    Oggi , mi insegni che c’è anche un modo migliore x arrivare.
    Ho capito bene?
    Buona salita anche a te!

  4. GRAZIE!!! A volte troppe parole confondono e fanno perdere l’obiettivo di ciò che si vuole dire…..
    oggi ho un motivo in più per nn mollare come runner e come donna!!!

  5. Sei davvero strabiliante, sei riuscita a cogliere nel segno…

  6. Hai ragione è un percorso collinare quello dei pazienti, tante salite . Però è vero che senza la salita più impegnativa della mia vita non avrei conosciuto e poi seguito una grande donna come te, sarei rimasta una persona “normale” che si fa contagiare da lamento comune e dilagante ..Grazie Roberta!

Leave a Comment